Esperienza con un trans

Una sera di autunno mi ritrovai da solo, sul molo della mia città.

Ero affranto da pensieri amorosi, spezzati all’ improvviso dalla decisione della mia ultima donna.Avevo riposto le mie speranze, in quello che sembrava un amore a prima vista, con quella che doveva essere la donna della mia vita!

Ma tutto questo fù spazzato via quando scoprì che Lei si faceva scopare da chiunque avesse delle attenzioni per il suo magnifico corpo!

Quando la vidi fuori al locale, mentre faceva un pompino ad un uomo, nel bagno, non ci ho più visto e sono scappato di corsa!

Ho iniziato a girare con la macchina senza meta, finchè mi sono ritrovato davanti al mare.Mentre ero assorto nei miei pensieri ho sentito arrivare una macchina ed ho visto scendere una donna.

All’ inizio non ho fatto caso più di tanto alla cosa, ma poi quando ho deciso di andarmene, sono passato davanti a quella che pensavo una donna e con mia enorme sorpresa ho scoperto essere un trans, ho salutato a testa bassa e mi sono diretto verso la mia macchina.

Ad un certo punto, dopo aver aperto la macchina, ho sentito il rumore di passi avvicinarsi e mi sono sentito dire ” un momento ho bisogno di un favore!”

Allora prontamente mi sono girato e sono rimasto in attesa che continuasse a parlare, in quel momento mi sono reso conto che “lei” aveva una grossa chioma di capelli rossa che le scendevano fino al suo culo bello sodo e grande, che era perfettamente proporzionato al suo corpo.

La sua bocca carnosa, con un rossetto che spiccava, pronuncio le parole “mi potrebbe dare un passaggio, non mi fido a rimanere in questo luogo a quest’ora!”

Prontamente le risposi “se si fida salga pure!”

In macchina iniziammo a parlare e mi disse che si chiamava Loredana e che era arrivata in Italia da un anno e come nelle più classiche delle situazioni era brasiliana!

Non mi resi conto di quanto parlammo, lei ne aveva bisogno, ed anch’io, ed in men che non si dica ci ritrovammo sotto casa sua!

A quel punto Loredana per ringraziarmi mi invitò a salire per bere qualcosa, io non volevo, ero assorto dai miei pensieri.Lei insistette fin chè mi convinse a salire!

In fondo, pensai, solo due chiacchiere, così come le avevamo fatte in macchina!

A quel punto entrammo nel palazzo e salimmo le scale, Lei davanti e mentre saliva ancheggiava, tanto da metter in mostra il suo culo!

Entrati mi mostrò la sua casa, era piccola ed essenziale, ma arredata con gusto!Mi portò in cucina e mi offrì da bere, poi mi disse “scusami ma ho bisogno di una doccia, dopo questa nottata!”, a quel punto mi accese la televisione, e mentre rimasi da solo continuai a pensare alla mia ex donna, quella troia, pompinara, in questo momento l’ avrei legata, così come si legano i capretti, per avere il controllo completo del suo corpo.

Poterle infilare in gola il mio cazzo nerboruto, con rabbia e violenza, fin quasi a farla soffocare!

Per aprirle il suo culo e poterle sbattere  dentro la mia cappella!Non feci in tempo a finire di fantasticare che Loredana tornò dalla sua doccia in accappatoio.

Subito mi chiese come stavo e si diresse verso il mobile a prendere da bere per lei e per me, si chinò ed intravidi le sue cosce tornite ed il suo culo, la cosa mi creò eccitazione.

Ero esterrefatto, non capivo come mai!

Ma anche lei se ne accorse e colse subito la palla al balzo, tanto da farsi scivolare via di dosso il suo accappatoio, e subito notai il suo grosso cazzo che si era indurito.

A quel punto, senza rendermene conto mi spogliai e le feci vedere il mio, che subito prese in bocca!

La cosa mi provò un piacere immenso, a quel punto mi resi conto che quello che si diceva sui trans era vero.

Con la sua esperienza, inizio a leccarmi le palle e piano piano iniziò a massaggiare il mio culo, iniziò a giocare con il mio orefizio. Iniziò a leccarmelo e quello fù un momento di tale piacere, che non mi resi conto ma dalla mia bocca uscì un “fottimi”.

A quel punto si mise dietro di me, e con molta delicatezza avvicinò la sua cappella al mio buco, piano piano spinse per farlo entrare, io sentivo allargarsi le mie chiappe, il mio buco si dilatava ed il piacere saliva sempre di più!

Loredana, sapeva che mi stava provocando piacere, quindi aumento l’intensità del rapporto.

Ad un certo punto si fermò, mi girò verso di lei e mi fece sdraiare sul letto, aprendomi bene le gambe, per potermi inculare guardandomi negli occhi, tutto ciò aumentò la mia eccitazione, ma anche la sua, poichè all’ inizio il suo cazzo quasi non riusciva ad entrare nel mio culo aperto!

Ma poi fù un piacere talmente intenso, che non volevo che finisse ai!

Lei se ne accorse, staccò la mano destra con cui mi reggeva la gamba ed iniziò a menarmi il mio cazzo fino a farmi venire

Sborrai talmente bene che lo schizzo arrivò sul mio petto!

A quel punto Loredana si eccitò ancora di più e continuò a stantuffarmi sempre di più, finchè sentì il suo cazzo fremere, ed il mio culo invadersi di un liquido caldo!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *