Finalmente ho fatto la mia prima esperienza anale!

Mi chiamo Jessica sono di Roma e ho 23 anni sono fidanzata da circa tre anni e sono completamente innamorata del mio ragazzo, fin qui niente di strano e immagino ti starai chiedendo perché stia scrivendo tutto questo?

Te lo spiego subito…

Da pochi giorni ho avuto la mia prima esperienza anale e credo che non la scorderò mai più!

Sabato sera abbiamo festeggiato il nostro terzo anniversario e l’idea per questa importante ricorrenza era di rimanere a casa sua, cenetta afrodisiaca a lume di candela, accompagnata da qualche bicchiere di buon vino e infine una lunga notte di sesso come dessert…

Si è svolto tutto secondo i nostri piani abbiamo cenato e bevuto dell’ottimo vino bianco  fino a perdere entrambi la completa lucidità….

Non abbiamo neanche fatto in tempo ad arrivare al dolce che il desiderio di fare sesso a preso il sopravvento…

Luca, accarezzandomi lentamente i capelli ha cominciato a baciarmi il collo, la mia voglia di fare sesso  saliva sempre di più mentre la sua mano dolcemente scendeva fino ad accarezzarmi il seno e poi ancora più giù fino a massaggiarmi la clitoride, non volevo perdere tempo e ho cominciato a slacciargli i pantaloni il suo cazzo si gonfiava rapidamente tra le mie mani…

Luca di forza  mi ha preso  in braccio e sbattuta sul divano a fianco al tavolo, ci siamo messi a 69 ero vogliosa, bagnata e arrapata, lui lentamente a cominciato a leccarmi la clitoride mentre con la mano sinistra mi massaggiava l’ano, il piacere aumentava sempre di più e anche il ritmo con cui Luca mi leccava e mi penetrava l’ano, per me era una sensazione nuova  ma molto, molto piacevole, lui se ne accorgeva ed è stato in quel momento che mi ha chiesto se avevo voglia di fare sesso anale!

La voglia di sentirlo dentro di me era tanta, così di forza mi ha girato a pancia in giù, il suo cazzo era duro come il marmo, con la saliva ha bagnato il mio stretto culetto e lentamente appoggiando la sua cappella lo sentivo entrare dentro di me!!!

Gli chiedevo di fare piano, ho provato subito un gran dolore, ma era eccitato e in preda ai fumi dell’alcool e non mi dava ascolto…

Mi ha sbattuto tutto il suo grande cazzo dentro, mi mancava il fiato provavo un  misto di dolore e piacere, urlavo e gli chiedevo di fare piano, ma la sua velocità aumentava al pari dei miei gemiti di piacere, mi ha sfondato il culo per circa  una decina di minuti in modo incessante fino ad esplodere dentro di me con un orgasmo incredibile…

Per la prima volta da quando stiamo assieme abbiamo avuto un orgasmo in simultanea ho provato delle sensazioni bellissime non avrei mai pensato che fare sesso anale potesse farmi provare così tanto piacere…

Da quel giorno abbiamo rapporti anali costanti tutte le volte che facciamo sesso e stiamo iniziando a comprare i primi giocattoli erotici…

Sono felicissima di aver provato questa nuova esperienza sessuale…

Mi ha cambiato la vita 😉

La prima volta nel sedere di Carlotta

Stava tornando tranquillamente a casa Carlotta, senza immaginare neanche lontanamente cosa sarebbe successo al suo rientro. Era stata una giornata come le altre quella di due settimane fa, il lavoro, il pranzo con le colleghe e il pomeriggio in centro per gli acquisti per la famiglia. Era un pò stanca Carlotta, pensava alla settimana appena cominciata, a tutti gli impegni che aveva, i bambini da portare a scuola, i costumi per la recita di carnevale, i conti da far quadrare.

Aveva proprio bisogno di una pausa per ripulire un pò la sua mente dai soliti problemi, ma mai avrebbe pensato che poco dopo il suo rientro di tutti quei pensieri non sarebbe rimasta più neanche l’ombra.

Arrivata al portone, salì le scale che portavano al proprio appartamento e girò la chiave. Dopo aver aperto la porta trovò Marco, il suo nuovo compagno che l’aspettava con una voglia irrefrenabile di farla sua.

Subito la prese e cominciò a sfilarle uno dopo l’altro tutti gli indumenti che indumenti che indossava.

Dopo averla denudata e stimolata per bene le sussurrò all’orecchio “Oggi voglio prenderti in un nuovo modo, devi provare un nuovo piacere”.

Carlotta non capì a cosa alludesse, era troppo presa dallo scenario così inaspettato ed eccitante, quando Marco all’improvviso la girò di spalle e la fece piegare con la testa schiacciata alla spalliera del divano e, mentre le stringeva i sensi, con la lingua preparava per bene l’ano di Carlotta ancora vergine.

Dopo averlo ricoperto per bene di saliva Marco non aspettò altro tempo e subito penetrò Carlotta da dietro chiudendole la bocca con le sue possenti mani, tanto che non si sentì che un flebile sussurro in confronto all’invece potentissimo urlo che Carlotta aveva generato dal dolore.

Carlotta non capiva davvero più nulla, sapeva solo che quel dolore era insopportabile e che voleva subito che lui smettesse.

Così cercò subito di divincolarsi, ma lui la teneva stretta e lei non riusciva a muoversi. Dopo un pò questa violenza accese un qualcosa di nuovo nella sua testa, si sentiva presa come mai prima d’ora e si sorprese nell’accorgersi che il dolore stava lasciando sempre più il posto ad un intenso piacere anale.

Lo scenario era davvero di quelli incredibili, Marco era sul punto di venirle dentro e lei gemette fortissimo e inaspettatamente al caldo getto di seme che sentiva dentro il suo ano.

Marco esausto dall’intenso piacer appena provato le ricadde con il peso addosso, mentre lei ancora assaporava sensazioni, come quella della sborra calda che ancora le sgorgava lungo le cosce. Marco se ne accorse e le disse: “preparati amore, questo era solo il primo tentativo”. E fu così che si aprì un nuovo mondo per Carlotta, un vero viaggio alla scoperta di nuove frontiere del piacere.